Comandi LPIC 2

LPIC-2 è la seconda certificazione del programma di certificazione professionale multilivello di LPI. LPIC-2 convaliderà la capacità del candidato di amministrare reti miste di piccole e medie dimensioni. Il candidato deve avere una certificazione LPIC-1 attiva per ricevere la certificazione LPIC-2, ma gli esami LPIC-1 e LPIC-2 possono essere affrontati in qualsiasi ordine. [...]

Comando cut

cut (dalla lingua inglese cut, taglia) è un comando dei sistemi operativi Unix e Unix-like legge uno o più file di testo (o lo standard input) estraendo da ogni linea delle sezioni, definite in termini di byte oppure caratteri oppure campi, le quali sono poi mostrate sullo standard output. [...]

CAT

cat è un comando dei sistemi operativi Unix e Unix-like, e più in generale dei sistemi , che legge i file che gli sono specificati come parametri (o lo standard input) e produce sullo standard output la concatenazione del loro contenuto. Il termine “cat” può facilmente essere ricordato attraverso la parola “concatenazione”, ma anche in maniera più semplice dal verbo «to cater», che in inglese significa «fornire». [...]

SPLIT

La funzione del comando split e’ splittare e quindi dividere un file, in piu’ piccoli file. Poniamo che abbiamo un file di 5000 righe [[email protected]]$ for l in $(seq 5000) ; do> echo ” riga numero$l” >> textfile.txt >done Quello che si e’ appena creato con un ciclo for e’ un file txt di 5000 righe Possiamo constatarlo con $wc -l textfile.txtfornisce come risultato5000 textfile.txt [...]

Corso LPIC 2

Ecco a Voi la pagina di NOTIZIE e dei CORSI di Aggiornamento e/o Perfezionamento e dove potersi Iscrivere Per vedere i  CORSI disponibili passare il mouse sulla voce di menu’ e cliccare                        il corso desiderato…. AL MOMENTO SONO PRESENTI 2 CORSI DI AGGIORNAMENTO DISPONIBILI:  CORSO GRATUITO LINUX LPIC 2 Linux Essentials  [...]

MAN e UNAME

man E’ un comando di cui la maggior parte dei sistemi operativi Unix e Unix-like dispone, per visualizzare le cosiddette man pages (abbreviazione di “manual pages”) ovvero le pagine di manuale, che rappresenta un’ampia documentazione in linea utilizzata dalla quasi totalità delle distribuzioni GNU/Linux.UNAME uname (abbreviazione dalla lingua inglese di unix name, nome unix) è un comando dei sistemi operativi Unix e Unix-like, e più in generale dei sistemi POSIX[1], che mostra sullo standard output informazioni sul computer in uso e sul sistema operativo installato, quali ad esempio il tipo e la versione del sistema operativo installato, l’architettura del computer e il suo nome in rete. [...]

History

Nella nostra Linux shell abbiamo una history, ovvero un’ elenco dei comandi lanciati recentemente, che rimane salvato in modo persistente. Digitando il comando history, si verra’ a visualizzare un elenco ( 40 ) di voci che corrispondono agli ultimi comandi lanciati, in ordine cronologico, Sussistono diverse modalita’ per accedere alla history. Bisogna dire prima di tutto che “history” si trova in un file persistente, all’interno della /home con notazione .bash_history L’architettura di history la possiamo vedere con vi .bash_history e all’inetrno potremo trovare tutti i comaandi editabili. Questi quando vengono chiamati il sistema provvede a copiarli e a inserirli con un time stamp nel file omonimo [...]

Cambiare shell

In generale esistono molti tipi di shell, che si dividono principalmente in testuali e grafiche: quando si parla semplicemente di “shell”, o anche di “terminale”, si intende di solito una shell testuale con cui l’utente interagisce attraverso un terminale o un terminale virtuale [...]

Apertura di una console della macchina virtuale

Apertura di una console della macchina virtuale L’accesso a una console della macchina virtuale consente di visualizzare informazioni su una macchina virtuale, utilizzare il sistema operativo guest ed eseguire operazioni che interessano quest’ultimo.Verrà richiesto di scaricare e installare l’applicazione VMware Remote Console. Fare clic su OK nella finestra di dialogo visualizzata. [...]

Aprire e chiudere le shells

TTY:In ambiente Unix un «terminale», o tty, è un dispositivo attraverso cui l’utente interattivo può dialogare con un interprete di comandi o altri programmi. Il termine viene usato indifferentemente per indicare il dispositivo fisico composto da tastiera e monitor (si pensi ai vecchi terminali seriali VT100 o VT320) o per indicare il file speciale che viene usato dalle applicazioni per comunicare con la periferica. Poiché i VT100 sono da tempo estinti i VT320 sono una specie a rischio, oggigiorno quando si parla di «terminale» ci si riferisce quasi sempre al concetto astratto di terminale o ad un programma che svolge le stesse funzioni, che è perciò detto «emulatore di terminale». [...]

Gestione delle macchine virtuali

Si EFFETTUERA’ UNA PANORAMICA su vari aspetti della virtualizzazione e ponendo le basi sui fattori da prendere in considerazione quando si gestiscono piu’ macchine virtuali. Iniziamo con una distribuzione Fedora come VM la quale possegga una serie di software, una serie di applicativi, che forniscono un servizio, che per svariate esigenze debba necessariamente CLONARE. Questa macchia dovra’ essere clonata per distribuirla su piu’ server e quindi su piu’ istanze, per repliacre un servizio a seconda dell’approccio che vogliamo adottare. Similmente su questa macchina avremo installato dei toolkit di base, ad esempio librerie e linguaggi di programmazione necessari, per lo sviluppo in Python, piuttosto che framework Django e quindi utilizzarla e duplicarla per l’esecuzione di vari progetti. [...]

IaaS, PaaS e SaaS

Dal punto di vista concettuale, IaaS, SaaS e PaaS possono essere considerati come tre livelli di astrazione, diversificati a seconda del tipo di servizio offerto e dal tipo di utente. Dunque, è possibile mettere in relazione tali modelli: un servizio offerto da un IaaS supporta un servizio PaaS, che a sua volta supporta un servizio SaaS. [...]

Linux come guest virtualizzato – Virtualizzazione e Containerizzazione

possiamo dire che non si tratta di due soluzioni antitetiche. A secondo dello scopo, può essere più adatta la virtualizzazione o la tecnologia dei container. Ad esempio, la leggerezza dei container si scontra con l’impossibilità di avere più sistemi operativi nello stesso sistema. Allo stesso modo, con risorse e capacità limitate, una soluzione leggera come quella dei container è sicuramente più idonea e performante rispetto ad un’infrastruttura composta da virtual machines. [...]