History

Nella nostra Linux shell abbiamo una history, ovvero un’ elenco dei comandi lanciati recentemente, che rimane salvato in modo persistente.

Digitando il comando history, si verra’ a visualizzare un elenco ( 40 ) di voci che corrispondono agli ultimi comandi lanciati, in ordine cronologico,
Sussistono diverse modalita’ per accedere alla history. Bisogna dire prima di tutto che “history” si trova in un file persistente, all’interno della /home con notazione .bash_history

L’architettura di history la possiamo vedere con vi .bash_history e all’inetrno potremo trovare tutti i comaandi editabili. Questi quando vengono chiamati il sistema provvede a copiarli e a inserirli con un time stamp nel file omonimo

Cosi:
1421 ll
1422 cd Scrivania
1423 cd ..
1424 cd Scrivania
1425 ll
1426 cd ..
1427 exit
1428 cd Trash
1429 ll
1430 .bash history

Se ad esmpio creiamo una cartella con mkdir e gli diamo nome “nome_cartella” e quindi poi gli forniamo i permessi con chmode 777

[email protected]:~$ mkdir nome_cartella
[email protected]:~$ chmod 777 !$

!$ Simboleggia l’ultimo comando passato e l’ultimo comendo eseguito e dando invio:
[email protected]:~$ mkdir nome_cartella
[email protected]:~$ chmod 777 !$
chmod 777 nome_cartella
[email protected]:~$

E questo vale per tutti gli argomenti relativi al comando.

Con !! si rilancia l’ulltimo comando eseguito
Con !apt mi richiama l’ultimo comando con apt

Si puo’ inoltre eseguire una vera e propria ricerac al contrario da quello piu’ recente a quello piu’ vecchio con CTRL-R

Per poter pulire la history (perche’ si sono digitati tanti comandi e comunque il sistema sarebbe appesantito da troppi comandi nella history cache,) bastera digitare

history -c

[email protected]:~$ history
453 history
454 cd history
455 history
[email protected]:~$