EDQUOTA

Nome
edquota: modifica le quote utente

Sinossi
edquota [-p protoname] [-u | -g] [-rm] [-F nome-formato] [-f filesystem] nome utente …

edquota [-u | -g] [-F nome-formato] [-f filesystem] -t

edquota [-u | -g] [-F nome-formato] [-f filesystem] -T nome utente | nome del gruppo…

Descrizione
edquota è un editor di quote. Uno o più utenti o gruppi possono essere specificati sulla riga di comando. Se viene assegnato un numero al posto del nome utente / gruppo, viene considerato come UID / GID. Per ogni utente o gruppo viene creato un file temporaneo con una rappresentazione ASCII delle quote disco correnti per quell’utente o gruppo e viene quindi richiamato un editor sul file. Le quote possono quindi essere modificate, nuove quote aggiunte, ecc. L’impostazione di una quota a zero indica che non è necessario imporre alcuna quota.

Gli utenti sono autorizzati a superare i loro limiti flessibili per un periodo di tolleranza che può essere specificato per file system. Una volta scaduto il periodo di prova, il limite flessibile viene applicato come limite rigido.

Le informazioni di utilizzo correnti nel file sono a scopo informativo; solo i limiti hard e soft possono essere modificati.
All’uscita dall’editor, edquota legge il file temporaneo e modifica i file di quota binari per riflettere le modifiche apportate.

L’editor invocato è vi a meno che la variabile di ambiente EDITOR o VISUAL non specifichi diversamente.
Solo il super-utente può modificare le quote.

Opzioni
-r, –remote

Modifica anche la quota non locale usa rpc.rquotad sul server remoto per impostare la quota. Questa opzione è disponibile solo se gli strumenti quota sono stati compilati con il supporto abilitato per l’impostazione di quote su RPC. L’opzione -n ??è equivalente e viene mantenuta per compatibilità con le versioni precedenti.
-m, –no-mixed-pathnames
Attualmente, i percorsi dei mountpoint NFSv4 vengono inviati senza una barra iniziale nel percorso. rpc.rquotad usa questo per riconoscere i mount NFSv4 e anteporre correttamente il path al pseudoroot del filesystem NFS. Se si specifica questa opzione, setquota invierà sempre percorsi con una barra finale. Questo può essere utile per motivi legacy, ma si tenga presente che la quota su RPC smetterà di funzionare se si utilizza il nuovo rpc.rquotad.
-u, –user
Modifica la quota utente. Questo è l’impostazione predefinita.
-g, –group
Modifica la quota di gruppo.
-p, –prototype = protoname
Duplica le quote dell’utente prototipo specificato per ciascun utente specificato. Questo è il normale meccanismo utilizzato per inizializzare le quote per gruppi di utenti.
–always-resolve
Cerca sempre di tradurre il nome utente / gruppo in uid / gid anche se il nome è composto solo da cifre.
-F, –format = nome-formato
Modifica quota per il formato specificato (ad esempio non eseguire il rilevamento automatico del formato). I possibili nomi di formato sono: vfsold Formato quota originale con UID / GID a 16 bit, formato di quota vfsv0 con UID / GID a 32 bit, utilizzo dello spazio a 64 bit, limiti e utilizzo di inode a 32 bit, formato di quota vfsv1 con quota a 64 bit limiti e utilizzo, rpc (quota su NFS), xfs (quota su file system XFS)
-f, – filesystem filesystem
Esegui le operazioni specificate solo per un determinato file system (l’impostazione predefinita è eseguire le operazioni per tutti i filesystem con quota).
-t, –edit-periodo
Modifica i limiti di tempo soft per ciascun file system. Nel vecchio formato di quota se i limiti di tempo sono zero, vengono utilizzati i limiti di tempo predefiniti in <linux / quota.h>. Nel nuovo formato di quota è necessario specificare i limiti di tempo (non è impostato alcun valore predefinito nel kernel). Le unità di tempo di “secondi”, “minuti”, “ore” e “giorni” sono comprese. I limiti di tempo vengono stampati nella massima unità di tempo possibile in modo che il valore sia maggiore o uguale a uno.
-T, –edit-times
Modifica il tempo per l’utente / gruppo quando viene applicato softlimit. I valori possibili sono “unset” o numero e unità. Le unità sono le stesse dell’opzione -t.
File
aquota.user o aquota.group
file di quota sul root del filesystem (quota di versione 2, filesystem non XFS)
quota.utente o quota.group
file di quota sul root del filesystem (quota di versione 1, filesystem non XFS)

/ Etc / mtab
tabella filesystem montata

-g
Stampa le quote di gruppo per il gruppo di cui l’utente è membro.

-u
Un flag opzionale equivalente al comportamento predefinito del comando.

-v
Visualizza quote su file system in cui non è allocato spazio di archiviazione.

-S
Questo flag farà sì che la quota (1) provi a scegliere le unità per mostrare limiti, spazio utilizzato e inode usati.

-q
Stampa un messaggio più chiaro, contenente solo informazioni sui file system in cui l’utilizzo è superiore alla quota.

Note di utilizzo
Specificando sia -g che -u vengono visualizzate sia le quote utente che le quote di gruppo (per l’utente).

Solo il super-utente può utilizzare il flag -u e l’argomento utente facoltativo per visualizzare i limiti di altri utenti. I non super utenti possono utilizzare l’opzione -g e l’argomento di gruppo facoltativo per visualizzare solo i limiti dei gruppi di cui sono membri.

Il flag -q ha la precedenza sul flag -v.