Crea sito

ICT Officine Informatiche Roma

ICT SERVICES ROMA

Configurazione BIOS e CMOS

Configurazione di sistema
Perché il BIOS sia in grado di avviare il computer, hai visto che deve trovare un sistema operativo su un disco rigido o un’unità disco floppy. Ma come fa il BIOS a sapere dove si trovano le unità o quali tipi sono?

Le unità disco floppy e le unità disco fisso sono due degli elementi più importanti che devono essere configurati nel BIOS. Se i tipi di unità non sono identificati correttamente nel BIOS, il BIOS non sarà in grado di avviare il sistema. Ogni volta che si crea un sistema o si modificano i componenti principali, è necessario eseguire il programma di installazione del BIOS per controllare o modificare le impostazioni.

Avvio del programma di installazione
Sulla maggior parte dei sistemi costruiti dalla fine degli anni ’80, il programma di configurazione del BIOS è memorizzato nel chip BIOS stesso. Su alcuni sistemi attuali, come con l’IB IBM AT originale, il programma di installazione deve essere eseguito da un’unità disco floppy o dal disco rigido. L’originale PC IBM e PC / XT avevano solo alcune impostazioni, e queste furono fatte manipolando una serie di piccoli interruttori a bilanciere o slide chiamati interruttori DIP.

I programmi di installazione basati su ROM vengono normalmente avviati premendo uno o più tasti in combinazione entro i primi secondi dall’accensione del computer. Sebbene questi tasti possano variare da sistema a sistema, i tasti più popolari sui sistemi attuali includono il tasto Esc (Esc), il tasto Canc, il tasto F1 e varie combinazioni di Ctrl + Alt + un altro tasto specificato. La maggior parte dei computer visualizza i tasti corretti da premere durante la schermata di avvio iniziale. Verificare con il proprio fornitore di sistema le sequenze di tasti appropriate o per verificare se è necessario eseguire un programma da MS-DOS o Windows per configurare il sistema.

Poiché le impostazioni effettuate nel programma di installazione del BIOS sono memorizzate nella RAM non volatile del chip CMOS, le impostazioni vengono spesso chiamate impostazioni CMOS.

Nella sezione seguente, esamineremo il tipico processo di installazione, esaminando ciascuna schermata di un tipico sistema di classe Pentium.

Step-by-Step CMOS/BIOS Configuration

L’esame di certificazione A + metterà alla prova la tua conoscenza della configurazione di base CMOS / BIOS. Per aiutarti a prepararti all’esame, questa sezione tratta le parti più importanti del processo di installazione di CMOS / BIOS.
Per avviare il processo di installazione di CMOS, premere i tasti corretti durante il processo di bootstrap o eseguire il programma di installazione dal disco rigido o dal disco floppy dopo l’avvio del computer. Su quasi tutti i sistemi costruiti dall’inizio degli anni ’90, inizierai con una schermata di menu, come mostrato nella Figura 3.6. Questo menu, così come il contenuto delle schermate elencate, varierà in base alla marca, alla versione e al tipo di scheda madre del BIOS.

 

FIG 3.6

Selezionare la voce di menu da questo menu di configurazione CMOS per esaminare o modificare le impostazioni.

Selezionare Installazione CMOS standard per iniziare.

Altri sistemi visualizzeranno immediatamente la schermata di installazione CMOS standard, che viene generalmente utilizzata per configurare le impostazioni di unità, data e ora.

Configurazione CMOS standard
La schermata di configurazione CMOS standard (vedere la Figura 3.7) include impostazioni per elementi come

-Data

-Tempo

-Unità disco floppy per unità A: (prima unità disco floppy) e B: (seconda unità disco floppy)

-Dischi rigidi collegati all’interfaccia IDE

FIG. 3.7

Una tipica schermata di configurazione standard. Su questo sistema, i dischi rigidi possono essere rilevati durante il processo di avvio (impostazione “Auto”), ma possono anche essere definiti dall’utente, come mostrato qui. Per effettuare le selezioni qui, normalmente si premono i tasti per scorrere tra le diverse opzioni, tra cui data e ora. L’ora deve essere immessa nel formato 24 ore (13:00 = 13:00 e così via). Abilita l’ora legale a meno che il tuo stato o area (Arizona, Hawaii e parti dell’Indiana) non passi all’ora legale in primavera e in estate. Modificare i tipi di unità floppy predefiniti in modo che corrispondano alla configurazione corrente, se necessario. Consultare “Unità floppy disk”, pagina 191, per i dettagli sulla selezione del tipo corretto di unità floppy disk.
Per selezionare il tipo di disco rigido corretto, è possibile utilizzare uno dei tre metodi:

-Inserire manualmente le impostazioni corrette.

-Utilizzare una funzione di rilevamento automatico situata qui o dal menu principale.

-Consentire al sistema di rilevare i dischi rigidi durante ogni avvio del sistema.

Alcuni sistemi visualizzano anche la quantità di memoria integrata in questa schermata, ma solo i sistemi estremamente vecchi basati su processori 386 o precedenti richiedono l’inserimento manuale della quantità di RAM nel sistema. Su quasi tutti i sistemi che utilizzano un processore 286 o superiore, le schermate di configurazione CMOS standard sono estremamente simili, variando principalmente nel numero e nei tipi di unità che è possibile utilizzare.
La schermata di installazione standard è la schermata singola più importante nell’intero processo di configurazione BIOS / CMOS. Se le unità non sono definite correttamente, il sistema non può avviarsi.

Configurazione automatica delle impostazioni BIOS / CMOS

Molte versioni dell’AMI e del BIOS Award consentono di configurare automaticamente tutte le schermate tranne la schermata di configurazione standard con una scelta di queste opzioni dal menu principale:

-BIOS Predefiniti (noto anche come Originale / Fail-Safe su alcuni sistemi)

-Impostazioni predefinite (anche indicato come ottimale su alcuni sistemi)

-Turbo

Utilizzare le impostazioni predefinite del BIOS per risolvere il problema del sistema perché queste impostazioni sono molto conservative nei tempi di memoria e in altre opzioni. Normalmente, le impostazioni predefinite di installazione forniscono prestazioni migliori. Turbo, se presente, accelera la frequenza di aggiornamento della memoria utilizzata dal sistema. Mentre visualizzi le schermate di configurazione in questo capitolo, noterai che queste opzioni sono elencate. Se si utilizza l’installazione automatica dopo aver apportato modifiche manuali, tutte le modifiche manuali verranno ignorate!

Opportunamente, l’AMI WinBIOS grafico utilizza una tartaruga, una lepre e un’aquila per queste tre opzioni.

Con molti sistemi recenti, è possibile selezionare Impostazioni predefinite ottimali o di installazione, salvare le modifiche ed uscire e il sistema funzionerà in modo accettabile. Tuttavia, potresti desiderare un maggiore controllo sul tuo sistema. In tal caso, guarda le seguenti schermate e apporta le modifiche necessarie.

Configurazione CMOS avanzata

La schermata di configurazione CMOS avanzata, mostrata in Figura 3.8, consente di regolare i dettagli opzionali sul computer. In questa schermata, è possibile regolare le impostazioni di NumLock, il tipo di video, la velocità di ripetizione della tastiera, le impostazioni per la memoria cache e altre funzioni speciali. La maggior parte dei sistemi costruiti dall’inizio degli anni ’90 include questo schermo.

Figura 3.8

La Tabella 3.1 elenca le opzioni più importanti

A seconda del sistema, potrebbe essere possibile eseguire l’avvio da unità CD-ROM, ZIP o LS-120 oltre alle unità disco floppy e ai dischi rigidi tradizionalmente disponibili come dispositivi di avvio, come mostrato nella Figura 3.9.

A seconda della versione del BIOS, potrebbe essere necessario premere il tasto ESC, come nella Figura 3.9, per tornare al menu principale o utilizzare i tasti cursore per spostarsi direttamente su un’altra schermata del menu. Figura 3.9
Questo recente sistema di classe Pentium offre una varietà di opzioni di avvio. Per visualizzare le impostazioni per qualsiasi opzione di configurazione CMOS, utilizzare il tasto di aiuto (F1) come mostrato qui, oppure premere il tasto corretto per scorrere le opzioni per l’impostazione.

Configurazione delle funzionalità avanzate di chipset / chipset

La schermata di configurazione delle funzionalità avanzate del chipset / chipset, come quella mostrata nella Figura 3.10, offre molte opzioni avanzate che variano in base al sistema. Di seguito sono riportate alcune caratteristiche tipiche di questo menu:
Tipi di memoria, velocità e temporizzazione: regolare qui i valori in modo che corrispondano alla memoria installata nel sistema (come parità, non parità, SDRAM, EDO e così via).
Regolazioni della cache: alcune CPU Cyrix richiedono all’utente di disabilitare il pipelining per il corretto funzionamento.
Configurazione delle porte USB: se si aggiorna un sistema a Windows 98 o Windows 2000, potrebbe essere necessario abilitare le porte USB; i sistemi con versioni precedenti di Windows (che non supportano USB) potrebbero non avere le porte USB abilitate. La funzione Supporto tastiera USB deve essere abilitata se è installata una tastiera USB per consentire alla tastiera di funzionare al di fuori di Windows.
Configurazione dello slot AGP: a seconda della scheda video AGP specifica installata (se presente), potrebbe essere necessario impostare la dimensione dell’apertura di memoria utilizzata per trasferire i dati tra il sistema e la porta AGP e selezionare la modalità AGP (1x, 2x e 4x).

Figura 3.10
Le opzioni USB (Universal Serial Bus) e AGP (Advanced Graphics Port) di questo recente sistema si trovano nella schermata di configurazione delle caratteristiche del chipset, insieme alle consuete opzioni di temporizzazione della memoria e del sistema.

Configurazione della gestione dell’alimentazione
Praticamente tutti i sistemi costruiti dalla metà degli anni ’90 sono progettati per consentire la gestione dell’energia; fare attenzione al logo EPA “Energy Star” all’avvio del computer.

La gestione dell’alimentazione funziona in questo modo: dopo un periodo di inattività definito dall’utente, dispositivi come il monitor, il disco rigido o persino la CPU passano in diverse modalità a basso consumo:

Modalità standby: consente di spegnere il disco rigido e di oscurare gli schermi del monitor che utilizzano Visualizza segnalazione gestione alimentazione. Muovi il mouse o premi un tasto per “riattivare” il sistema.

Modalità di sospensione: disattiva l’orologio della CPU per risparmiare ancora più energia. I sistemi che supportano completamente la modalità di sospensione consentono di scegliere un’opzione di spegnimento speciale che “ricorda” quali programmi e file erano aperti e può riportare il sistema in quello stato quando viene ripristinata l’alimentazione.

I primi sistemi di gestione dell’alimentazione richiedono che l’utente continui a lavorare con il mouse o la tastiera per impedire al sistema di entrare in modalità di risparmio energetico, il che può causare l’interruzione dei trasferimenti del modem o della rete, perdendo dati.

Sulla maggior parte dei sistemi più recenti, come quello descritto in Figura
3.11, è possibile impedire al sistema di accedere alle modalità di risparmio energetico o svegliarsi quando si svolgono attività, impostando queste opzioni tramite il nome del dispositivo (modem, disco rigido, unità disco floppy, porta parallela, porta seriale) o dall’IRQ del dispositivo (consultare “IRQ, DMA, indirizzi porte I / O e indirizzi di memoria”, pagina 17.

Ho sempre considerato la gestione dell’alimentazione come un’ottima idea che non sempre funziona bene nella pratica.

Figura 3.11

Questo recente sistema supporta sia la gestione dell’alimentazione ACPI (utilizzata da Windows 98) sia APM (utilizzata dalle versioni precedenti di Windows).

Per far funzionare la gestione dell’alimentazione, è necessario assicurarsi che

Dispositivi come dischi rigidi e monitor possono essere spenti e sottoposti a backup senza perdita di informazioni.

La gestione dell’alimentazione è impostata per monitorare i dispositivi di rete e Internet, quali modem e schede di rete, per attività che impediscono la caduta della connessione.

Tutti i dispositivi installati in un sistema sono monitorati per attività per prevenire la perdita di dati. Ad esempio, la Figura 3.11 non elenca IRQ 15 (utilizzato dall’adattatore host IDE secondario nella maggior parte dei sistemi) come evento PM (risparmio energia). L’attività su IRQ 15 non riattiverà il sistema, sebbene il computer potrebbe leggere i dati dai dispositivi su IRQ 15 o salvare i dati sui dispositivi su IRQ 15.

Gli utenti comprendono come funziona la gestione dell’alimentazione.

I normali segni di risparmio energetico in uso comprendono
Luci di alimentazione lampeggianti o luci di alimentazione di colore diverso rispetto al normale, mentre lo schermo rimane vuoto
Tastiere che sembrano “morte” per alcuni secondi dopo aver iniziato a digitare (perché il disco rigido deve girare) Gli utenti che non hanno familiarità con la gestione dell’alimentazione potrebbero andare nel panico e riavviare i computer (perdendo i loro dati!) O richiedere di “riparare” i loro sistemi. A volte, la soluzione migliore è disabilitare completamente il risparmio energia o utilizzare Windows per configurare le impostazioni di risparmio energia tramite la sua icona di alimentazione nel Pannello di controllo. Per i sistemi che dispongono di chip BIOS compatibili ACPI che eseguono anche Windows 98 o Windows 2000, utilizzare Windows per gestire l’alimentazione.

Adatta il sistema alle esigenze dell’utente e continua.

Schermata di configurazione PnP (Plug-and-Play)
La configurazione Plug-and-Play (PnP) consente al sistema operativo o al BIOS di sistema di selezionare le impostazioni hardware per le schede compatibili con PnP alla prima installazione e di modificarle quando vengono installate nuove schede. Il supporto del BIOS PnP fa parte praticamente di tutti i sistemi forniti con Windows 95 o versioni più recenti di Windows e praticamente tutte le schede aggiuntive e altri dispositivi (come stampanti, monitor, modem e così via) supportano anche la configurazione PnP.

Le prime versioni della schermata di configurazione Plug-and-Play (vedi Figura 3.12) sono state introdotte con i primi sistemi basati su Pentium con slot PCI, poiché le schede PCI potevano configurarsi da sole. PnP può essere utilizzato con schede ISA compatibili con PnP nonché con schede PCI e AGP. Se si utilizza Windows 95, 98 o 2000, impostare il sistema operativo Plug and Play su Sì. A meno che tu non abbia problemi con l’installazione di schede, questo è normalmente tutto ciò che devi impostare. In caso di problemi con l’aggiunta di schede, è possibile impostare gli IRQ in modo che siano disponibili per i dispositivi PnP (schede aggiuntive impostate da Windows) o per dispositivi ISA / Legacy (porte integrate nella scheda madre o schede ISA che è necessario impostare manualmente).

Alcuni sistemi, come in questo esempio, consentono anche di abilitare o disabilitare l’uso IRQ per USB, video VGA e gestione dell’alimentazione ACPI. È possibile disabilitare l’utilizzo di IRQ per uno o tutti questi dispositivi, ma alcuni dispositivi potrebbero non funzionare se non viene assegnato alcun IRQ.

Installazione porte / periferiche integrate
È possibile abilitare o disabilitare la maggior parte delle porte integrate in sistemi recenti con la schermata Configurazione porte / periferiche integrate, mostrata in Figura
3.13. (Alcuni sistemi con porte mouse PS / 2 richiedono la regolazione di un blocco jumper sulla scheda madre.) Su alcuni sistemi, questa schermata consente anche di regolare le opzioni avanzate del disco rigido, come la modalità PIO e la modalità blocco.

Figura 3.12
Una tipica schermata di configurazione Plug-and-Play. Modificando le opzioni PnP per IRQ e canali DMA su Legacy, è possibile riservare IRQ e DMA selezionati per schede non PnP.

Figura 3.13
La porta COM 2 di questo sistema (UART 2) è disabilitata per consentire l’installazione di un modem interno come COM 2.

In genere, si disabilita una porta incorporata se si aggiunge una scheda contenente una porta in conflitto con essa. Ad esempio, è possibile disabilitare COM 2 (porta seriale 2) per consentire l’installazione di un modem interno. È inoltre possibile regolare gli indirizzi delle porte IRQ e I / O utilizzati dalle porte parallele e seriali integrate. Su alcuni sistemi, in questa schermata si trovano anche le impostazioni della modalità LBA per i dischi rigidi e le opzioni di configurazione USB. Dopo aver osservato o modificato le impostazioni, tornare al menu principale e continuare.

Vedere “Ottimizzazione delle prestazioni IDE”, pagina 212, per informazioni sulle opzioni del disco rigido Modalità PIO e modalità blocco.

Sicurezza / password
È possibile abilitare due tipi di password su molti sistemi: una password di accensione che deve essere immessa per consentire qualsiasi utilizzo del sistema e una password di configurazione che deve essere immessa per consentire l’accesso all’impostazione BIOS / CMOS. Se non sono state registrate tutte le impostazioni (con stampe dello schermo o annotandole), questo può essere pericoloso da abilitare.

Perché? Se le password vengono perse, gli utenti vengono bloccati dal sistema e sarà necessario rimuovere la batteria o utilizzare il jumper “cancella CMOS” sulla scheda madre per cancellare il record CMOS delle password e tutte le altre impostazioni. Ciò richiederebbe la riconfigurazione del BIOS di sistema da zero!

Poiché le password sono utili per impedire la manomissione delle impostazioni di sistema, registrare prima le informazioni di sistema, prima di abilitare questa funzione.

Salvataggio e registrazione delle impostazioni BIOS / CMOS
La maggior parte dei BIOS ti consente di salvare le modifiche o di scartare quelle che potresti aver apportato accidentalmente quando esci dal menu principale e riavvii il sistema.

Alcuni vecchi BIOS salvano automaticamente tutte le modifiche, anche quelle negative. In entrambi i casi, assicurarsi di rivedere la schermata di configurazione CMOS standard e tutte le altre visualizzate per assicurarsi che le impostazioni siano accettabili prima di salvare e uscire. È necessario registrare le impostazioni del BIOS critiche, come le informazioni sul tipo di unità e qualsiasi altra modifica rispetto alle impostazioni predefinite di un sistema. Molti tecnici trovano utile aggiungere un adesivo con il tipo di unità e altre informazioni sul retro di un sistema o all’interno del coperchio del sistema.


BIOS e CMOS System Configuration

For the BIOS to be able to start the computer, you’ve seen that it must find an operating system on a hard disk or floppy disk drive. But how does the BIOS know where the drives are located or what types they are?

Floppy disk drives and hard disk drives are two of the most important items that must be configured in the BIOS. If the drive types are not correctly identified in the BIOS, the BIOS will not be able to start the system. Whenever you build a system or change major components, you need to run the BIOS setup program to check or change settings.

Starting the Setup Program

On most systems built since the late 1980s, the BIOS configuration program is stored in the BIOS chip itself. On a few current systems, as with the original IBM AT, the setup program must be run from a floppy disk drive or the hard drive. The original IBM PC and PC/XT had only a few settings, and these were made by manipulating a series of small rocker or slide switches called DIP switches.

ROM-based setup programs are normally started by pressing one or more keys in combination within the first few seconds after turning on the computer. Although these keystrokes vary from system to system, the most popular keys on current systems include the escape (Esc) key, the Delete key, the F1 key, and various combinations of Ctrl+Alt+ another specified key. Most computers display the correct key(s) to press during the initial startup screen. Check with your system vendor for the appropriate keystrokes or to see if you need to run a program from MS-DOS or Windows to configure your system.

Because the settings you make in the BIOS setup program are stored in the nonvolatile RAM of the CMOS chip, the settings are often called CMOS settings.

In the following section, we will review the typical setup process, looking at each screen of a typical Pentium-class system.

Step-by-Step CMOS/BIOS Configuration

The A+ Certification exam will test your knowledge of basic CMOS/BIOS configuration. To help you prepare for the exam, this section covers the most important portions of the CMOS/BIOS setup process.

To start the CMOS setup process, press the correct key(s) during the bootstrap process or run the setup program from hard disk or floppy disk after the computer has started. On virtually all systems built since the early 1990s, you’ll start with a menu screen, as shown in Figure 3.6. This menu, as well as the contents of the screens listed, will vary according to your BIOS brand, version, and motherboard type.

Figure 3.6
Select the menu item from this CMOS Setup menu to examine or change settings.

Select Standard CMOS Setup to begin.

Other systems will immediately display the Standard CMOS Setup screen, which is typically used to configure drive, date, and time settings.

Standard CMOS Configuration

The standard CMOS configuration screen (see Figure 3.7) includes settings for items such as

  • Date

  • Time

  • Floppy disk drive types for drives A: (first floppy disk drive) and B: (second floppy disk drive)

  • Hard drives connected to the IDE interface

Figure 3.7
A typical standard setup screen. On this system, hard drives can be detected during the boot process (“Auto” setting), but they can also be user-defined, as shown here.

To make selections here, you normally press keys to cycle through the different options, including date and time.

The time must be entered in the 24-hour format (1:00PM = 13:00, and so on). Enable daylight savings unless your state or area (Arizona, Hawaii, and parts of Indiana) doesn’t switch to DST in the spring and summer.

Change the default floppy drive types to match your current configuration if necessary. See “Floppy Disk Drives,” page 191, for details on selecting the correct floppy disk drive type.

To select the correct hard drive type, you can use one of three methods:

  • Manually enter the correct settings.

  • Use an auto-detection feature located here or from the main menu.

  • Allow the system to detect the hard drives during every system boot.

Some systems also display the amount of memory onboard on this screen, but only extremely old systems based on 386 or older processors require that you manually enter the amount of RAM in the system. On virtually all systems using a 286 processor or better, the standard CMOS configuration screens are extremely similar, varying mainly in the number and types of drives that can be used.

The standard setup screen is the single most important screen in the entire BIOS/CMOS setup process. If the drives are not defined correctly, the system cannot boot.

Automatic Configuration of BIOS/CMOS Settings

Many versions of the AMI and Award BIOS allow you to automatically configure all screens except the Standard setup screen with a choice of these options from the main menu:

  • BIOS Defaults (also referred to as Original/Fail-Safe on some systems)

  • Setup Defaults (also referred to as Optimal on some systems)

  • Turbo

Use BIOS defaults to troubleshoot the system because these settings are very conservative in memory timings and other options. Normally, the Setup defaults provide better performance. Turbo, if present, speeds up the memory refresh rate used by the system. As you view the setup screens in this chapter, you’ll note these options are listed. If you use either automatic setup after you make manual changes, all your manual changes will be overridden!

Appropriately, the graphical AMI WinBIOS uses a tortoise, a hare, and an eagle for these three options.

With many recent systems, you can select Optimal or Setup Defaults, save your changes, and exit, and the system will work acceptably. However, you might want more control over your system. In that case, look at the following screens and make the changes necessary.

Advanced CMOS Configuration

The advanced CMOS configuration screen, shown in Figure 3.8, allows you to adjust optional details about the computer. In this screen, you can adjust the NumLock setting, type of video, keyboard repeats speed, settings for cache memory, and other special features. Most systems built since the early 1990s include this screen.

Figure 3.8
A typical Advanced CMOS Configuration screen, also known as the BIOS Features screen—use this screen to enable or disable anti-virus hardware features, adjust boot sequence, and adjust memory options such as cache and parity checking.

Table 3.1 lists the most important options and my recommendations.

Table 3.1  Recommended Advanced CMOS Settings

Option

Setting

Reason

Write-Protect Boot Sector, Virus Warning, or Antivirus Protection

Enable for normal system use

This doesn’t really stop viruses, but it will help prevent users from accidentally FORMATting or FDISKing the hard disk.

Cache Internal

Enabled

Cache memory makes system faster (see and External”Adding Main and Cache RAM,” page 54.

Boot Sequence

C: (first hard disk), A: (floppy disk drive), CD-ROM, C:, A:

Prevents users from booting with floppy floppy disk left in A: won’t spread disks; boot sector viruses to the system; system won’t stop if floppy disk is left in A:.

Shadowing

Enable for memory addresses containing firmware (BIOS) chips

Copies firmware contents such as system BIOS, video BIOS, and add-on card BIOS to RAM. Located between 640KB-1MB (upper memory blocks).

LBA mode

See “Overcoming Hard Disk Capacity Limitations with LBA Mode,” page 211

Depending on the system, you might be able to boot from CD-ROM, ZIP, or LS-120 drives in addition to the floppy disk drives and hard drives traditionally available as boot devices, as shown in Figure 3.9.

Depending on the BIOS version, you might need to press the ESC key, as in Figure 3.9, to return to the main menu, or use cursor keys to move directly to another menu screen.

Figure 3.9
This recent Pentium-class system offers a variety of boot options. To view the settings for any CMOS configuration option, either use the help key (F1) as shown here, or press the correct key to step through the options for the setting.

Advanced Chipset/Chipset Features Configuration

The Advanced Chipset/Chipset Features Configuration screen, like the one shown in Figure 3.10, offers many advanced options that vary by the system. The following are some typical features of this menu:

  • Memory types, speed and timing—Adjust the values here to match the memory installed in the system (such as parity, non-parity, SDRAM, EDO, and so on).

  • Cache adjustments—Some Cyrix CPUs require the user to disable pipelining for proper operation.

  • Configuration of USB ports—If you upgrade a system to Windows 98 or Windows 2000, you might need to enable the USB ports; systems with older versions of Windows (which didn’t support USB) might not have the USB ports enabled. The USB Keyboard Support feature must be enabled if a USB keyboard is installed to allow the keyboard to operate outside of Windows.

  • Configuration of the AGP slot—Depending on the specific AGP video card installed (if any), you might need to set the size of the memory aperture used to transfer data between the system and the AGP port and select the AGP mode (1x, 2x, and 4x).

Figure 3.10
This recent system’s USB (Universal Serial Bus) and AGP (Advanced Graphics Port) options are located on the Chipset Features configuration screen, along with the usual system and memory-timing options.

Power Management Configuration

Virtually all systems built since the mid-1990s are designed to allow power management; watch for the EPA “Energy Star” logo when you start the computer.

Power management works like this: After a user-defined period of inactivity, devices such as the monitor, the hard drive, or even the CPU will go into different low-power modes:

  • Standby mode—Shuts off the hard drive and blanks monitor screens that use Display Power Management Signaling. Move the mouse or press a key to “wake up” the system.

  • Suspend mode—Turns off the CPU clock to save even more power. Systems that fully support suspend mode allow you to choose a special shutdown option that “remembers” what programs and files were open, and can bring the system back to that state when the power is restored.

Early power-management systems require that you, the user, keep working with the mouse or keyboard to prevent the system from going into power-saving modes, which can cause modem or network transfers to be interrupted, losing data.

On most newer systems, such as the one featured in Figure 3.11, you can prevent the system from going into power-saving modes, or to wake up when activity takes place, by setting these options by either the device name (modem, hard drive, floppy disk drive, parallel port, serial port) or by the device’s IRQ (see “IRQs, DMAs, I/O Port Addresses, and Memory Addresses,” page 17.

I have always regarded power management as being a great idea that does not always work well in practice.

Figure 3.11
This recent system has support for both ACPI power management (used by Windows 98) and APM (used by earlier versions of Windows).

To make power management work, you need to make sure that

  • Devices such as hard drives and monitors can be powered down and powered back up without loss of information.

  • Power management is set to monitor network and Internet devices, such as modems and network cards, for activity to prevent the connection from being dropped.

  • All devices installed in a system are monitored for activity to prevent data loss. For example, Figure 3.11does not list IRQ 15 (used by the secondary IDE host adapter in most systems) as a PM (power management) event. Activity on IRQ 15 will not wake up the system, although the computer could be reading data from devices on IRQ 15 or saving data to devices on IRQ 15.

  • Users understand how power management works.

Normal signs of power management in use include

  • Monitors with blinking power lights, or power lights a different color than normal, while the screen remains blank

  • Keyboards that seem “dead” for a few seconds after you start typing (because the hard drive must spin up)

Users who are unfamiliar with power management might panic and reboot the computers (losing their data!) or demand that you “fix” their systems. Sometimes, the best fix is to disable power management completely or to use Windows to configure power management settings through its Power icon in Control Panel. For systems that have ACPI- compatible BIOS chips that also run Windows 98 or Windows 2000, Windows should be used to manage power.

Adjust the system to the user’s requirements, and continue.

PnP (Plug-and-Play) Configuration Screen

Plug-and-Play (PnP) configuration allows either the operating system or the system BIOS to select hardware settings for PnP-compatible cards when first installed and to change those settings when new cards are installed. PnP BIOS support has been part of virtually all systems shipped with Windows 95 or newer versions of Windows, and virtually all add-on cards and other devices (such as printers, monitors, modems, and so on) also support PnP configuration.

Early versions of the Plug-and-Play Configuration screen (see Figure 3.12) were introduced with the first Pentium-based systems with PCI slots, because PCI cards could configure themselves. PnP can be used with PnP-compatible ISA cards as well as with PCI and AGP cards. If you are using Windows 95, 98, or 2000, set Plug and Play Operating System to Yes. Unless you have problems with installing cards, that is normally all you need to set. If you are having problems adding cards, you can set IRQs to be available to PnP devices (add-on cards that are set by Windows) or to ISA/Legacy devices (ports built into the motherboard or ISA cards you must set manually).

Some systems, as in this example, also allow you to enable or disable IRQ use for USB, VGA video, and ACPI power management. You can disable IRQ usage for any or all of these devices, but some devices might not work if no IRQ is assigned.

Built-In Ports/Peripherals Setup

You can enable or disable most ports built into recent systems with the Built-in Ports/Peripherals Setup screen, shown in Figure 3.13. (Some systems with PS/2 mouse ports require that you adjust a jumper block on the motherboard.) On some systems, this screen also lets you adjust advanced hard disk options, such as PIO mode and block mode.

Figure 3.12
A typical Plug-and-Play configuration screen. By changing PnP options for IRQs and DMA channels to Legacy, you can reserve selected IRQs and DMAs for non-PnP cards.

Figure 3.13
This system’s COM 2 port (UART 2) is disabled to allow an internal modem to be installed as COM 2.

Generally, you disable a built-in port if you add a card containing a port that will conflict with it. For example, you can disable COM 2 (serial port 2) to allow you to install an internal modem. You can also adjust the IRQ and I/O port addresses used by the built-in parallel and serial ports. On some systems, the LBA mode setting for hard disks and USB configuration options are also found on this screen. After observing or changing the settings, return to the main menu and continue.

See “IDE Performance Optimization,” page 212, for information about hard disk options PIO mode and block mode.

Security/Passwords

You can enable two types of passwords on many systems: a power-on password that must be entered to allow any use of the system, and a setup password that must be entered to allow access to the BIOS/CMOS setup. If you don’t have all the settings recorded (with screen printouts or by writing them down), this can be dangerous to enable.

Why? If the passwords are lost, users are locked out of the system, and you would need to remove the battery or use the “clear CMOS” jumper on the motherboard to erase the CMOS record of the passwords—and all other settings. This would require reconfiguring the system BIOS from scratch!

Because passwords are useful to prevent tampering with system settings, record the system information first, before you enable this feature.

Saving and Recording BIOS/CMOS Settings

Most BIOSes allow you to save your changes, or discard changes you might have made accidentally, when you exit the main menu and restart the system.

A few old BIOSes automatically save any changes, even bad ones. In either case, be sure to review the standard CMOS setup screen and any others you viewed to make sure the settings are acceptable before you save and exit. You should record critical BIOS settings, such as drive type information and any other changes from a system’s default settings. Many technicians find it useful to add a sticker with drive type and other information to the rear of a system or to the inside of the system cover.

 

 

Translate »
×

Benvenuto !

Fai clic su uno dei nostri specialisti elencati di seguito per avviare una chat di supporto su WhatsApp o inviaci un'e-mail a helpdesk [email protected]

You are Wellcome !

Click one of our helpdesk specialist below to start a chat on WhatsApp or send us an email to [email protected]

 

× HELPDESK